Benvenuta Crazy March!

Benvenuta Crazy March!

Benvenuta Crazy March, una casa virtuale dove può trovare ospitalità l’arte figurativa contemporanea ormai presente in tutto il mondo con radici ben salde nella tradizione pittorica dei grandi maestri. Un’arte che riesce ad emozionare coinvolgendo chi la osserva, un’arte, che con grande successo ha fatto riscoprire i valori autentici della tecnica ponendoli nella loro ideale collocazione, attraverso mani sapienti e menti senza confini.
La figura è e sarà sempre predominante in tutte le sue forme, prenderà i caratteri del suo creatore, seguirà i mondi in cui ogni artista ha trovato la propria dimensione, verrà idealizzata esaltandone la purezza ed a volte deformata, lasciando trasparire il disagio ed i turbamenti dell’essere umano, ma la nobiltà di questa non sarà mai intaccata.
La Crazy March ha voluto accogliere artisti figurativi contemporanei creando uno spazio ideale nel quale si possa far dialogare le loro opere, un momento di incontro e di confronto che proseguirà anche fuori dal web, attraverso eventi, esibizioni, discussioni e stage, con l’obiettivo di riunire questo genere artistico contemporaneo eppure senza tempo.
Un’attenzione particolare la Crazy March riserverà anche all’arte fotografica, assolutamente scissa dalla pittura essa è un mezzo per immortalare quello che occhi ed anima del fotografo vogliono bloccare per donare al mondo, un attimo che non avrà più modo di ripetersi, catturato per l’eternità. Senza alcuna contaminazione reciproca, ognuna con la propria autonomia e dignità, queste due arti, da sempre in continuo confronto, percorrono strade parallele, diverse seppur vicine.
La pittura non può e non deve essere una copia della fotografia, poiché la sua stessa natura la pone su un piano differente, sia tecnicamente che a livello emozionale, essa non potrà mai bloccare un momento esatto della realtà, ma sarà sempre la rappresentazione di quello che l’artista vuole raccontare in tutto il periodo di esecuzione dell’opera, una realtà vista attraverso il filtro delle percezioni del suo esecutore, in grado di mutare con il trascorrere delle stagioni. gioia1 Ecco quindi che un ritratto pittorico non sarà mai un ritratto fotografico e la bellezza, e la dignità di ognuno, si ritroverà soprattutto nella loro differenza; sarà bello ritrovare nella foto il punto di vista del fotografo, l’attimo che lo ha portato alla scelta di effettuare lo scatto, magari per un raggio di luce particolare o un espressione del volto che tenta di nascondere una storia ed allo stesso modo sarà intrigante ritrovarsi in un opera pittorica, cercare tra le pennellate la propria vita, scoprire lati della nostra persone che a volte ignoriamo, magari attraverso un colore o  un piccolo dettaglio che la sensibilità dell’artista riesce ad immortalare.
Una precisazione dovuta che è parte integrante del carattere di questa nuova e giovane galleria d’arte virtuale, all’interno della quale troveranno spazio anche scrittori, giornalisti o critici d’arte che vorranno esprimere la propria opinione sul tema.
La molteplicità dell’arte, le sue tante sfaccettature saranno il cuore ed il motore di questo “Marzo Pazzo” che ci invita ad abbandonarci ad esso, lasciandoci trasportare dalle nostre emozioni.

Simona Gatto
Responsabile Crazy March Gallery